Casa Bianca riscopre i floppy disk: piu’ sicuri contro gli hacker

Casa Buianca USA riscopre floppy-disk

Casa Bianca riscopre i floppy disk: piu’ sicuri contro gli hacker

La notizia è apparsa in questi giorni su varie testate giornalistiche, anche del nostro Paese: la Casa Bianca ha reiniziato ad usare i floppy disk per salvare i propri dati. Questo “quadratino di plastica” prima uscito inversione 8″ poi 5.25” ed infine l’ultimo la versione 3.5″. Ma se avete 18-20’anni probabilmente li avete visti solo in foto.

Una tecnologia ormai desueta che però, stando a un articolo pubblicato qualche giorno fa dal New York Times è ancora in uso nelle stanze del potere (ovali e non) a Washington. Così, almeno, stando a quanto dice Megan Smith, ingegnere meccanico laureatasi presso il M.I.T. e già executive di Google, “invitata a palazzo” per portare un po’ di Silicon Valley nei corridoi del potere.

La manager si è trovata di fronte a una dotazione informatica inattesa: centinaia di floppy-disk, BlackBerry di vecchia generazione e laptop Dell del 2013 che, stando a quanto dichiarato dalla Smith, sarebbero la cosa più moderna presente nella Casa Bianca.

A quanto pare questo viene fatto per “ragioni di sicurezza”; il sistema parrebbe essere efficace contro i vari “Julian Assange” che imperversano tra cloud e deepweb, il problema inizia a diventare il trovare pc in grado di leggere i vecchi supporti magnetici e rivenditori in grado di venderne di nuovi, la facilità di usura di un floppy tristemente nota agli ultra 25enni. La Sony nel 2010 ha smesso di produrli e la Apple ha eliminato i lettori di floppy dai suoi Mac già nel 1998.

Forse la Casa Bianca dovrebbe sbrigarsi a procurarsi queste attrezzature, visto che al momento pare che su Amazon ne sono disponibili pochissime confezioni. In un mondo in cui Anonymus pare farla da padrone non vorremmo si dovesse tornare alle vecchie macchine da scrivere, cosa difficile visto che l’ultima fabbrica che le produceva ha oramai chiuso.

Condividi questo post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *